Gis Capodanno in piazza a Trieste Milano Firenze Pordenone

Gis Capodanno in piazza a Trieste Milano Firenze Pordenone

La Gis in alcune delle piazze più belle d’Italia per gestire il servizio di sicurezza

La Gis è stata chiamata per gestire il capodanno in quattro delle piazze più belle d’Italia, TRIESTE  Piazza dell’Unità D’Italia,  MILANO  Piazza del Duomo, FIRENZE Piazza della Signoria PORDENONE Piazza XX Settembre. Concerti, spettacoli pirotecnici e molto divertimento per attendere la mezzanotte in piazza, ma anche tanta sicurezza per garantire l’incolumità degli spettatori che hanno deciso di trascorrere gli ultimi momenti del 2018 nelle suggestive cornici messe a disposizione dai comuni.

Gli operatori Gis specializzati nei controlli, hanno avuto il compito di gestire gli accessi, facendo rispettare le vigenti norme anti- terrorismo e precludendo l’accesso a tutto ciò che prevede il provvedimento in vigore durante le manifestazioni a tutela degli spettatori, venuti in massa per accogliere il nuovo anno. Gli addetti al servizio di controllo, hanno svolto scrupolosamente il loro lavoro, infatti sono stati ritirati e stoccati circa 100 kg di materiale pirotecnico non autorizzato, consegnato poi, agli artificieri della Polizia di Stato per lo smaltimento. I controlli non si sono limitati alla sola visione del materiale contenuto in borse e zaini, o al ritiro degli oggetti vietati, ma anche al body-scan.
Gli operatori hanno controllato con apparati elettronici di scansione ogni persona che ha avuto accesso alle piazze.

Un lavoro gestito in tranquillità e con seria professionalità ,cercando di non creare eccessive file alle entrate e di agevolare lo spettatore in tutto e per tutto. Possiamo dire che aver accolto circa 60.000 persone in tre grandi piazze, senza registrare alcun incidente  è un vanto per la complessa macchina della sicurezza messa in campo, e possiamo vantarci di averne fatto parte con un ruolo importante, grazie anche al forte ausilio della Polizia di Stato che ha lavorato senza sosta al fianco degli operatori.

Comments are closed